venerdì 13 dicembre 2013

Stiletto sport - Il calcio visto dai tacchi a spillo

La domenica del "Non tutto il male vien per nuocere"



Dove eravamo rimasti? Giusto! eravamo rimasti al super anticipo del venerdì della Juventus. Juventus che è in quel di Bologna per una sfida importantissima in chiave campionato. Bisogna vincere e questo la Juventus lo sa benissimo, anche se c'è già un po' di ansia per la partita con il Galatasaray. Ma esiste la concentrazione fortunatamente e anche senza Pirlo si riesce a mettere su una partita lodevole e alla fine vittoriosa. Pink si sta strafogando di kebab per resistere all'ansia e questa, come vedremo, sarà una costante della settimana. Non il kebab ovviamente, ma il generale l'abbinamento Juventus-cibo anti stress. Che sia kebab, pizza o gnocchi di patate col ragù poco importa, l'importante è sfogare l'ansia col cibo. Quindi, venerdì sera kebab. Ci pensa Vidal, un uomo che da pulizia e profumo al gioco della Juventus, mantenendo inalterato il ph della pelle sensibile, a sbloccare il risultato nel primo quarto d'ora. Sembra che la partita possa dirsi finita, ma mai dire mai. Il Bologna infatti non si perde e reagisce piuttosto bene permettendo a Buffon di mettersi nuovamente in mostra come super portiere volante. "Che meraviglia!" dice Pink addentando il kebab. Ma siccome non esiste una partita sicura con solo un gol di vantaggio, bisogna che arrivi qualcuno a dare più sicurezza alla situazione. Ci pensa dunque Chiellini a raddoppiare e a mettere in sicurezza il risultato finale. La Juventus si mantiene in testa, Pink addenta un altro kebab. Bisogna festeggiare. Certo sarebbe più bello se la Roma almeno pareggiasse e invece vince con la Fiorentina, mentre a casa Pink si pranza allegramente per festeggiare - in ritardo - il compleanno dei genitori. Il Napoli invece pareggia e si allontana ancora dalle prime due.
Il Cagliari invece gioca alle 15. In campo al sant'Elia c'era un meraviglioso dispiegamento di forze rossoblù, ma noi sappiamo quali sono quelle più belle, e la partita va portata a casa questa volta! Le prospettive sono buone, perché sabato sera, quando ormai le speranze sembravano abbandonate, Red e Violet vedono il migliore auspicio per la domenica calcistica: Giggi, che stavolta nota di brutto che le vostre blogger si illuminano e festeggiano al solo vederlo.
Come ormai troppo spesso accade l'avvio di gara non è brillantissimo, e come ho già chiesto la scorsa settimana sarebbe il caso di smettere con la consuetudine di giggioneggiare nel campo per metà partita. Infatti, conseguentemente al giggioneggio i giochi sono aperti al sedicesimo del primo tempo da Gilardino.Il vento cambia alla fine del primo tempo, quando una serie di strattonamenti tra il capitano e Manfredini portano a due cartellini gialli, che significano che Conti non lo ferma niente e nessuno e che Manfredini è fuori. Ma se si smette di giggioneggiare e si inizia a Giggineggiare? Vengono fuori meraviglie! Perché quale altro nome possiamo trovare per descrivere la meraviglia prodotta da Sau al trentunesimo del secondo tempo? Opera d'arte, non ci sono altre parole adeguate! Ma la voglia di riscatto del nostro Pattolino non si ferma e porta il Cagliari alla bellissima emozione di una vittoria all'ultimo minuto. Vi lascio immaginare cosa può essere successo nel salotto di Red alla doppietta di Sau, che festa!Nel frattempo Red si informava anche sul risultato del Tonara, che in trasferta a Dorgali riusciva a rosicchiare un punticino importantissimo per la classifica. 
Si giunge quindi al martedì di Champions. Bisogna vincere per forza e questo la Juve lo sa e in teoria sa anche farlo. Ma la partita con il Galatasaray si preannuncia sfigata: troppa neve, stadio ghiacciato, tifosi eccessivamente violenti e rompiscatole che si appostano sotto l'albergo della Juve per fare casino e non far dormire i giocatori. Sarà vero? Comunque, dopo appena 30 minuti la partita viene sospesa, il campo è impraticabile per una nevicata colossale per tutta la Turchia. Nella storia non ha portato bene tutto ciò. E' la terza volta che Galatasaray-Juventus viene rinviata: la prima volta fu nel '98 per il caso Ocalan (terminò alla fine 1-1); la seconda volta fu nel 2003 e fu a causa di gravi disordini tanto che per sicurezza si decise di giocarla a Dortmund e vinse il Galatasaray per 2 a 0. Quindi la cabala non aiuta, la neve nemmeno e la partita viene rinviata al giorno successivo alle 14. Il campo continua a fare schifo, l'organizzazione è penosa e c'erano i presupposti per chiedere la vittoria a tavolino (forse), ma si gioca lo stesso. E La Juve perde. La Juve è fuori dalla Champions. E Pink pensa che va bene così, pazienza. Meglio averci provato che non essersi nemmeno qualificati, perché non ci si può ridurre all'ultima partita per giocarsi una qualificazione, perché i punti andavano fatti contro il Copenaghen, perché fora dil modulo non è proprio quello giusto. E va bene comunque. Ora andiamo avanti, guardiamo all'Europa League, la cui finale si giocherà proprio allo Juventus Stadium.  Ora va bene così, pensiamo al campionato che Roma e Cagliari incombono. Red precisa: poco da prendere in giro, il Cagliari incombe solo sul Milan!
Ma non di sola Champions vivono le coppe: c'è anche la coppa Italia Promozione! Il nostro Tonara passa alle semifinali grazie alla vittoria sulla Bittese per due a zero, con una doppietta di Tocco... Grandi ragazzi, bene così!!!

Così parlò Nonna Nenna: Ta bellixeddu!

Alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento