mercoledì 18 dicembre 2013

Caro Babbo Natale, quest'anno sono stata buona - by Pink

Una letterina che si rispetti dovrebbe cominciare con “Caro Babbo Natale, quest’anno sono stato buono…”, ma ho deciso che la mia di quest’anno non sarà una letterina che si rispetti. Non sarà forse nemmeno una letterina, perché mi chiedo a cosa serva scriverla. Non ho regali materiali da chiedere e tutto ciò che quest’anno desidero, Babbo Natale, mi sa che è impossibile anche per te da portare. “Se Dio esiste veramente, perché i bambini devono soffrire?” si chiedeva l’altro giorno mia madre. Ecco, Natale è la festa per eccellenza per i bambini, ma ci sono bambini nel mondo che non sanno nemmeno che è Natale, e non perché non sono cristiani. Non sanno che è Natale perché vivono in una condizione talmente difficile e miserevole da essere costretti ad essere adulti prima del tempo, a vedere orrori coi loro occhi che nessun essere umano dovrebbe vedere mai. Natale è la festa delle famiglie, ma ci sono tante famiglie che oggi sono spezzate e straziate da guerre, dolori. Ci sono in Sardegna tantissime famiglie che non vedranno il Natale perché un’alluvione ha spezzato tutti i loro sogni, le vite di 17 persone, di un bambino. E, caro Babbo Natale, io non vorrei essere nei panni della persona che non è riuscita a salvarlo, quel bambino. Mi dici dunque Babbo Natale cos’ho da festeggiare? Le donne uccise in Italia nei primi 6 mesi di questo 2013 sono state 81, sono 7 milioni le donne tra i 16 e i 70 hanno che denunciano una violenza sessuale. In quelle famiglie come potrà essere Natale? Se Dio ha mandato suo figlio per la redenzione degli uomini, a cosa è servito se oggi c’è ancora chi permette che un bambino muoia di fame? Capisci, Babbo Natale, che ne ho le tasche piene? E uso la parola tasche per non dire altro… Non ne posso più di brama di potere, di egocentrismo (che è anche dove e meno te l’aspetti, da chi non te lo aspetti, molto più vicino di quello che pensi), di disinteresse. E ho paura. Ho paura che questo mi porti a due eccessi differenti. Ho il terrore che tutto ciò mi renda incapace di provare il giusto sentimento e che mi porti o all’indifferenza (considerando ormai tutto ciò endemico e troppo diffuso) o alla rabbia più completa e mi faccia diventare un serial killer di responsabili di tutto questo. Sono stanca, Babbo Natale, tanto stanca che niente basti per bloccare fame e disperazione. Sono stanca di vedere negli occhi dei bambini la paura di una guerra, la disperazione del non trovare più la propria madre e/o il proprio padre. Sono stanca di vedere la gente che si perde dietro azioni e preoccupazioni inutili, di vedere persone che si ergono re e regine di un reame risibile (e quante regine ci sono così…), che si ergono a paladini della difesa dei diritti dell’uomo, ma in concreto non si impegnano a niente. Quando sei tu ad impegnarti, ti dicono che non va bene il metodo. Capisci? Criticano. Non che io voglia essere immune da critiche, ci mancherebbe, ma non va mai bene niente di niente. E da fare ce n’è tanto. Quest’anno mi è stato evidente che ad aiutare un povero sarà sempre un altro povero. Esistono macchine burocratiche lentissime per concessioni di fondi a persone a cui la forza della natura, violata tempo addietro, ha portato via tutto. Poi esistono persone che sui siti di e-commerce prima dell’alluvione vendevano un divano a prezzo di costo e dopo l’alluvione lo regalano a chi non ha altro. Quindi, caro Babbo Natale, il mondo è permeato di cattiveria, ingordigia, superbia, ma esiste la gente buona. Qual è dunque la mia richiesta? Sono due, ma puoi scegliere tu quello che ti è più facile. O ti decidi finalmente ad illuminare i cuori di tutti gli esseri umani o ci doni il superpotere di mettere l’alone giallo (ti ricordi quello violetto dello spot dell’HIV? Ecco, quello, ma giallo fluo) ai bastardi contro l’umanità. Illumina le menti dei legislatori, dei governanti, di chi ha in mano le sorti del mondo ad agire con intelligenza, a favore degli uomini, per una completa equità. Ecco, si, un’altra richiesta ce l’ho. Fulmina, disintegra, essicca, polverizza stupratori, pedofili, assassini. In Ecuador uccidono villaggi interi a colpi di motosega. Usano la motosega, Babbo Natale. Sono bestie della peggiore specie. Non spetta a me ergermi a giudice, ma se puoi chiedi una consulenza al Signore che sa veramente cosa c’è nelle loro anime, poi vedi se potrai accontentarmi.

Babbo Natale, non ti chiedo nulla per me, ho espresso pensieri cattivi in queste righe e forse non sono stata così buona anche se ho provato ad impegnarmi.
Con speranza,
Pink.

Nessun commento:

Posta un commento