lunedì 18 novembre 2013

L'Almanacco di Violet




Sole
A Cagliari (lat. 39°21’; lon. 9°13’; alt. 4m s.l.m.) il Sole sorge alle 7:08 e tramonta alle 17:07.

Luna
La Luna è calante e, per tutta la settimana, percorre il suo terzo quarto. Il 22 novembre, alle 9:34, si trova all’apogeo.

Cielo del Mese, i Pianeti
Mercurio aveva iniziato il mese di novembre in congiunzione con il Sole, pertanto quei giorni era stato inosservabile. Si è poi allontanato rapidamente dal nostro astro, e il 18 raggiunge la massima elongazione (distanza angolare dal Sole), andando incontro al periodo di migliore visibilità nel cielo del mattino. Il 18 Mercurio sorge un’ora e quarantatré minuti prima del Sole. A fine mese questo intervallo si riduce a poco più di un’ora.

I Santi
18 novembre: Dedicazione della Basilica dei santi Pietro e Paolo apostoli
19 novembre: san Massimo
20 novembre: san Ottavio
21 novembre: Presentazione della Beata Vergine Maria al tempio
22 novembre: Santa Cecilia
23 novembre: san Clemente I
24 novembre: Cristo Re


La Notizia del Giorno… un Anno Dopo
Milano – Beve un bianchino e si ustiona (L’Unione Sarda, Edizione del 21 novembre 2012, p. 9).
Se vuoi visualizzare la notizia, clicca qui.

Feste, Ricorrenze, Curiosità
Il 19 novembre si celebra la Giornata Internazionale dell’Uomo.
Il 20 novembre, invece, è la Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.
Lo scorso anno La Rassegna Stronza per questa occasione aveva commentato alcuni articoli della Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: se cliccate qui, e scorrete in basso, potrete leggere i nostri post in Red, Pink, Rainbow e Violet.
Il 24 novembre, festa di Cristo Re, inizia l’ultima settimana del calendario cristiano. Con i vespri del sabato successivo, primi vespri d’Avvento, inizia, invece, il nuovo Anno Liturgico.

Il Santo del Mese
L’11 di novembre, per antica tradizione, si festeggia san Martino, nato a Pannonia e morto nel 397. Soldato e poi vescovo di Tours. Patrono di Belluno, della Fanteria, degli albergatori, dei fabbricanti di botti, dei mendicanti, dei militari, degli osti, dei poveri, dei mariti traditi e degli ubriachi. Il giorno della sua festa tradizionalmente si “assaggiava” il vino nuovo, che avendo concluso il mese di fermentazione, non era più mosto, ma giovane e traditore. Ricordate San Martino di Carducci? Questo santo si invoca contro il pericolo di prendere sbronze. Devozione utilissima per la nostra Rassegna… e Violet si augura anche per tutti i nostri lettori!

Il Lama Racconta
Ho voglia di parole. Che rimangano qui. A farmi compagnia. Parole forti. Che il vento non porti. Parole lievi, come la spuma sulla riva del mare. E dolci. Come il miele d’acacia. Ancora. Ma sono un groppo, difficile da sciogliere. Difficile da condurre fuori. Un vuoto pulsante. Che fa male. Di un dolore difficile da lenire. Da sole. E allora vado. Scendo. Scendo nel fondo di me. Fondo del mare. E da una conchiglia odo il rombo. Del fondo. Del mare. Che urla dentro. E vive e non muore. Forte come quelle parole. Come il ricordo. Di nuvola e sole. Che avanza. Che passa. Che torna. Che resta. È festa. Festa della vita. Dell’amicizia. Dell’amore. Baciati da nuvole e sole… (Parole, Violet per La Rassegna Stronza).

Così Parlò zio Gecob
È solo che il cuore mi si spezza, tesoro mio, al pensiero che io… che abbia potuto… trovare per tutto questo parole.

Nessun commento:

Posta un commento