martedì 26 novembre 2013

Caro Babbo Natale, quest'anno sono stata buona - by White


 

Gentile rubicondo signore,

Le scrivo per sottoporLe una mia richiesta, augurandomi che possa essere nelle Sue possibilità esaudirla. Credo si sia accorto anche Lei che le cose sono cambiate, e tanto. 
A partire dalla missiva che tradizionalmente Le viene inviata. Un tempo c’era una ritualità nel prepararla: si strappava un foglio dal quaderno, con più cura perché i bordi apparissero sufficientemente rettificati, o tra i più furbi, si strappava un doppio foglio dal centro, (peccato per gli antiestetici fori delle graffette) che aveva in sé una sua implicita eleganza, un’aria più solenne. Poi la richiesta, in genere una sola, seguita ad un elenco dettagliato delle buone azioni, addotte come prova e giustificazione del dono. E la scrittura: in corsivo, curato come mai, tondo, il più regolare possibile, e con le dovute spaziature. Raramente mancava un disegno, decorazioni, captatio benevolentiae, ecc…
Ora, da settimane la cassetta della posta rigurgita senza sosta cataloghi di giochi costosissimi, ed alla fine, una letterina prestampata da inviare al centro commerciale con l’indicazione del regalo prescelto: che tristezza! Io, glielo dico dal cuore, spero che le cestini tutte queste letterine senz’anima!
Sa, io non sono proprio una bimba, fuori intendo…………..
Arrivo al sodo: potrebbe aiutarmi a rifare il mio gioco preferito? Non è più in commercio.
Ecco mi spiego. Serve il soggiorno dei nonni per l’ambientazione, con il piccolo camino ad angolo, ed il pavimento a marmittoni esagonali, rossi, neri e grigi. Alle pareti mattonelline con proverbi della saggezza popolare tipo: “Se il marito parla bene e la moglie tace, la famiglia vive in pace”, il mio preferito. Poi al centro, un tavolo rettangolare, in legno color miele, coperto da una lunga tovaglia a foglie arancioni e marroni. E sopra un braciere in ottone lucidissimo che ospita la posta, le chiavi, fiammiferi, ecc…
Il gioco sta sotto il tavolo, che non ha le canoniche quattro gambe. Sui lati brevi è sostenuto da due cornici raccordate tra loro da un’asse ampia, parallela al piano. Vi presento la nostra corriera! Il primo, scelto tra noi cuginetti non democraticamente ma a spinte e tirate di capelli, è l’autista. Quelli dietro i passeggeri rumoreggianti. In quello spazio incantato, e con la luce soffusa, creata dalla tovaglia pesante, la fantasia non aveva confini, e si rigenerava, ad ogni cambio di autista, di meta e di passeggeri, fino allo sfinimento. Oggi mi chiedo perché a tutti quei culetti bambini non sia mai venuto in mente di cambiare mezzo di locomozione, che so, un treno o una canoa, mah! Ripetitività infantili.
Ecco signore, io vorrei ancora una corriera della fantasia, per me, su cui salire ogni volta che il bisogno mi prende, e che tutte le creature del mondo conoscessero e preservassero il dono della immaginazione, destinandole un luogo privatissimo.
Buon Natale!
                                                      White

Nessun commento:

Posta un commento