sabato 9 febbraio 2013

Stiletto Sport - Il calcio visto dai tacchi a spillo


Sigla!!!

La domenica del "E' festa per tutti!!!"

Finalmente in questo blog si riesce a gioire collettivamente per la vittoria in contemporanea della Juventus e del Cagliari!!! Il Cagliari, nell'anticipo di sabato, da una sonora ammalloppata alla Roma di Zeman e la Juventus vince con serenità a Parma mantenendo le distanze dal Napoli, sempre più unico rivale scudetto. 
Iniziamo dai rossoblù! La vittoria diventa immediatamente un caso nazionale, ne parlano tutti i tg! Addirittura Videolina le dedica la prima pagina del tg delle 13 di domenica, roba che con le sciocchezze sparate dai politici in campagna elettorale è molto raro. E' strano anche (a parere di Pink) che la vittoria del Cagliari sia una notizia da trattare con qualcosa che ha del miracoloso. Cioè, mica il Cagliari è l'Albinoleffe! Dovrebbe essere considerato più "normale" che il Cagliari vinca in serie A, o no? Evidentemente no, quindi, evviva la vittoria del Cagliari! Evviva le 4 pappine rifilate a Zeman e alla sua Roma ormai allo sbando! Evviva la vendetta della sconfitta a tavolino dell'andata! Ecco, non dimentichiamoci che l'andata era andata così com'era andata!! Perdonate il giro di parole, ma l'andata è una cosa che ancora oggi non si può capire e sopportare, visto che il Cagliari, ma soprattutto i suoi tifosi stanno ancora penando per uno stadio decente in cui giocare. Pink un'idea ce l'ha ma decide di non esprimersi. Sta di fatto che anche questa settimana si è vissuta nel patema d'animo senza sapere fino a ieri notte dove si sarebbe giocata Cagliari-Milan, e ormai pare certo che si giocherà a Quartu, ad Is Arenas. Meglio così, il potere del Nano evidentemente ha influito. Siamo in campagna elettorale e per par condicio non ci infognamo in queste cose. Ma, se Balotelli al Milan ha portato due punti percentuali in Italia, quanti salirà ora quello schieramento dopo le dichiarazioni del Cavaliere? Tra l'altro, per cambiare sede alla partita, non regge nemmeno molto bene la scusa che i tifosi di Cagliari e del Milan si odino. Non si odiano le due società che in Lega sono pappa&ciccia (Galliani e Cellino sono stati fra i pochi ad appoggiare l'elezione di Beretta alla guida della lega e il pelatone ne è pure vicepresidente, con Massimuccio consigliere) e tra cui c'è un legame serissimo di compravendida dei giocatori. Un legame così serio che Cellino ha maledetto in ogni lingua David Suazo quando firmò per l'Inter, visto che era già promesso, come un battesimo, al Milan. Il pericolo di casini, che poteva esserci per atavica rivalità col Napoli, quindi non esiste. Qual'era la scusa di stavolta? Ce lo spieghino, a noi della Rassegna e ai tifosi, con sincerità ché magari si riesce a farsene una ragione. 
La Juventus invece va a vincere con una modesta tranquillità sul campo del Parma, avversario mai facile. Matri sta tornando nella sua forma da goleador che tanto piace a Pink. C'era il pericolo che andasse via al mercato di gennaio, ma così non è stata. Il mercato di gennaio della Juventus è stato segnato dall'acquisto di Peluso e di Anelka e pareva proprio che uno, tra Matri e Quagliarella, dovesse andar via. Cioè, che Marotta ogni tanto la faccia fuori dal vasino si sa, ma si chiede Pink perché sia necessario liberarsi di uno tra Matri e Quagliarella, che sono quei giocatori che la piazzano lì al momento che serve e quando meno te l'aspetti. Ricordate Fabione con il Chelsea? E Matri proprio con Cagliari? Pink due giocatori così non li cederebbe mai, forse lascerebbe andare più Giovinco che continua a non convincerla e a metterle molti dubbi. Si continua a dire che Giovinco deve crescere, ma a 26 anni un attaccante di serie A deve essere cresciuto! Che cosa si sta aspettando ancora? A 26 anni Del Piero (uno che il suo segno alla Juventus l'ha lasciato) aveva già fatto una carriera spettacolare e straordinaria, vinto una Champions, una coppa Intercontinentale, una supercoppa europea, superato Platini coi gol in Champions ed era già stato eletto Miglior giocatore italiano. Si era anche già infortunato ed era già tornato in campo. Messi, coetaneo di Giovinco, ha vinto già 4 palloni d'oro. Marco Van Basten a 26 anni ne aveva vinti già due. Cosa stiamo aspettando per Giovinco? E' logico che non tutti possono avere una carriera come i tre che ho indicato, ma se uno vuole essere qualcosa di più di un attaccante normale, come tanti se ne vedono, deve lasciare il segno, tanto più in una grande squadra che ti sta dando fiducia. Ha segnato più Quagliarella, che parte spesso dalla panchina, che Giovinco che parte titolare. In un terzo delle partite giocate, Matri ha segnato solo un gol in meno di Giovinco. Vogliamo davvero lasciar andare questi due? Comunque sia, la Juve batte il Parma per 2-1 con gol anche di Lichtsteiner che si conferma goleador contro il Parma! Il primato si continua a mantenere in attesa delle sfide di stasera che vedono la Juventus contro la Fiorentina e la Lazio contro il Napoli. La prima è una partita mitologicamente difficile, mentre la seconda rimane comunque la sfida tra la seconda e la terza in campionato e dio solo sa cosa sia meglio augurarsi.
Il nostro Tonara ha saltato la partita a causa della neve che, per chi non lo sapesse, cade e in abbondanza anche in Sardegna, specialmente nelle zone in cui Red&Pink hanno le loro origini familiari.
Anche per questa settimana è tutto, vi aspettiamo con il prossimo appuntamento!!!
Le vostre Giggi's Angels!!!

Sigla!!!

Nessun commento:

Posta un commento