domenica 9 febbraio 2014

Istantanee - by White



Il pesce uccello

Michele è piccolo, osserva il mondo con occhi spalancati ed avidi. Gli piace l’acqua, immensamente. Ma che strano: può frugarla a suo piacimento senza sporcarsi. Va e viene innumerevoli volte dalla riva, impegnato in travasi oscuri al mio intendere adulto. Avverte con chiarezza maggiore indulgenza e libertà, nella sua seconda estate, e se ne compiace senza nasconderlo. Guarda l’acqua scivolargli addosso, con qualche brivido ed incredulità. Nessuno lo distoglie dalla sua attività, come spesso accade, ma dallo sguardo mi accorgo che si chiede il perché di tanta impunità. Sa che ci sono creature viventi nell’acqua, le conosce. Tutto un mondo. Ama ripetere, con la sua voce da paperino, il nome degli animali che apprende con incredibile facilità dai suoi libri, e ti corregge sdegnato se confondi un orango con un gorilla. Conosce nomi di animali di cui ignoravo l’esistenza. Desiderato infinitamente, ha una casa che si è trasformata per lui, e dove sono temporaneamente ospitati gli adulti. I suoi giochi non lo attraggono più di tanto. Preferisce, da quando ha iniziato a gattonare, toccare la terra dei vasi e sbriciolarla fra le dita a salsiccia, con evidente voluttà. Sa che non si fa, lo sa bene. Ma non se ne può astenere. Gioca con gli involucri dei regali, eccitandosi come i gatti al rumore che si fa accartocciandoli. Buffo, caracollante e scanzonato, richiede storie e canzoncine che bisbiglia sempre un po’ in ritardo, perché si bea nell’ascoltarti, e crea una piccola e deliziosa eco musicale.
Anche questa è per te:
“C’era una volta un bambino che giocava con i sassi tondi del fiume. Ogni tanto, qualche pesciolino, faceva capolino per guardare. Uno più curioso, stanco della solita vita sott’ acqua, decise di saltare fuori e di giocare con quel bel bambino ricciolino. Il bambino, stupefatto, lo osservò finire sull’erba, e cercò di afferrarlo. Un’impresa difficilissima: il pesciolino si dibatteva. Era freddo e ruvido e sgusciava via dalle mani. Il bambino non capiva perché si agitasse tanto e non volesse giocare con lui. Poi, all’improvviso, smise di muoversi. Ci rimase malissimo. Ma dall’erba, su cui giaceva immobile, il pesciolino si trasformò in un piccolo uccello variopinto, con le piume dritte dritte, attorno alla testolina, come un superbo capo indiano. E spiccò il volo. Il bimbo, consolato, sorrise per il risveglio della vita, bello come una magia”.
Quanto vorrei vederti crescere nella convinzione che la morte è solo un cambiamento di stato e non una fine. 


Nessun commento:

Posta un commento