lunedì 2 settembre 2013

L'Almanacco di Violet


Sole
A Cagliari (lat. 39°21’; lon. 9°13’; alt. 4m s.l.m.) il Sole sorge alle 6:51 e tramonta alle 19:53.

Luna
La Luna è calante. Luna Nuova il 4 settembre.

Cielo del Mese, i Pianeti
Giove è l’astro più luminoso della seconda parte della notte. Appare ad oriente e già prima del sorgere del Sole è già molto alto in cielo a Sud-Est. Il pianeta si trova nella costellazione dei Gemelli. Degni di nota i suoi quattro satelliti, Io, Europa, Ganimede e Callisto, che si mostrano come piccoli puntini bianchi che danzano da un lato all’altro del pianeta sulla linea dell’equatore, creando spettacolari configurazioni.

I Santi
2 settembre: san Zenone e figli
3 settembre: san Gregorio Magno
4 settembre: santa Rosalia
5 settembre: beata Madre Teresa di Calcutta
6 settembre: sant’Umberto
7 settembre: san Grato
8 settembre: Natività della Beata Maria Vergine


La Notizia del Giorno… un Anno Dopo
Avventure spaziali nelle grotte sarde (L’Unione Sarda, Edizione del 7settembre 2012, p.1)


Feste, Ricorrenze, Curiosità
L'8 settembre è la Giornata mondiale della fisioterapia. Coincide con la data di fondazione, nel 1951 a Copenaghen, della WCPT (World Confederation for Physical Therapy), La Confederazione Mondiale di Fisioterapia.

La matita Rossa e Blu
“I due Benossi vengono portato in caserma e arrestati” (precisiamo che Benossi è il plurale di Benossa, cognome degli arrestati). Si dicono indeclinabili quei nomi che mantengono invariata al plurale la desinenza del singolare. Ci indica il loro numero l’articolo che li accompagna o il senso della frase in cui si trovano. Sono indeclinabili i nomi in –ie e ben 10 eccezioni di cui solo la decima sono i cognomi!!! Per chi volesse approfondire dal nostro blog La Matita Rossa e Blu

Il Lama Racconta 
Si narra che tanto tempo fa, nelle notti buie, strane creature attraversassero le strade dei paesi del centro Sardegna. Alcune di loro erano animate da forze positive, altre erano in preda a forze oscure, perché avevano percorso le vie del male. S’Érchitu di giorno era un uomo come tutti, ma la notte si trasformava in bue. Portava grosse corna dalla punta d’acciaio alla sommità del capo e muggiva tre volte davanti alla porta di colui che in breve tempo sarebbe stato visitato dalla morte. Le donne ne riconoscevano il passo e il muggito, ma sapevano di non dover uscire. La notte era buia e pericolosa e ormai s’Érchitu aveva già portato a termine la sua missione. A volte ne parlavano, incontrandosi alla fonte il mattino seguente. Raccontavano di quei muggiti alti e lugubri che squarciavano il cielo e turbavano i loro sonni, lasciandole atterrite e con gli occhi sbarrati fino alle prime luci del giorno. Raccontavano che a volte, se un uomo era particolarmente malvagio, scontava già qui, su questa terra la sua pena, condannato ad una vita doppia, da uomo e da bestia, condannato a sapere. A conoscere in anticipo, egli solo, le vie percorse da colei che recide il filo della vita di noi tutti, quando giunge l’ora. S’Érchitu era passato. Entro tre mesi le campane sarebbero suonate a morto, le donne avrebbero messo il lutto, i bambini avrebbero interrotto i giochi. A chi sarebbe toccato stavolta? Questo il lugubre figuro non poteva svelarlo. Solo che presto sarebbe accaduto (S’Érchitu, liberamente tratto dalle leggende della Sardegna, Violet per la Rassegna Stronza).

Così Parlò zio Gecob
C’è una forza motrice più forte del vapore, dell’elettricità e dell’energia atomica: la volontà.

Così aggiunse Violet 
In un posto dove nessuno “labora” è impossibile “co-laborare”.

Nessun commento:

Posta un commento