venerdì 25 aprile 2014

HO VISTO - Il 25 aprile 2014 con gli occhi di Violet

“È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.
[…]” (Disposizioni transitorie e finali, XII)

Ho visto. Ho visto bandiere. Stendardi. Striscioni. Ho visto la banda. Ho visto persone, donne e uomini. Vecchi, giovani, bambini. Cani.
Ho visto il sindaco con il tricolore. Ho visto alte cariche politiche confondersi in mezzo ai comuni cittadini, con a fianco un figlio preadolescente.
Ho visto un anziano e un ragazzo camminare fianco a fianco. E parlare. E mi è piaciuto.
Il ragazzo parlava un perfetto italiano dall’accento sardo, ma era di colore. Teneva un braccio sulle spalle della fidanza, anche lei appena adolescente, dalla pelle bianca. E anche l’anziano aveva la pelle bianca. Sono curiosa, lo so: non ho potuto fare a meno di sentire cosa dicessero. L’anziano spiegava che cosa sia stata la Repubblica di Salò. Spiegava come tanti giovani siano morti da una parte e dall’altra, ma che ci sia una parte giusta ed una sbagliata per morire. E quella giusta sia la Libertà.
Ho visto quei ragazzi ascoltare. Ringraziare. E andare avanti, riguadagnando il gruppo di amici. Una lezione di vita, di storia. Anzi di Storia.

Ero alla manifestazione di tutti i gruppi, i partiti, le associazioni antifasciste di Cagliari il 25 aprile 2014, 69° Anniversario della Liberazione dell’Italia dal Nazi-fascismo. E ho visto.
Una lezione di Storia. Piccola piccola. Ma insieme grande.
Forse sono un’inguaribile ottimista, ma io so che quei ragazzi, tra cinquant’anni racconteranno ai giovani la storia. E, così, la catena della memoria non si spezzerà. 

Questo è il 25 aprile.
Questa è la Festa della Liberazione. 
E sono stata orgogliosa di esserci


Violet

Nessun commento:

Posta un commento