venerdì 20 settembre 2013

Stiletto sport - Il calcio visto dai tacchi a spillo

Sigla!!!

La domenica fantozziana





Le minacce arrivavano ormai da giorni, anzi settimane. Da che sono stati resi noti i calendari della serie A e B, Pink sapeva che il 14 settembre era il giorno della Partita di Andata. Proprio partita con la P, quella che non si può perdere mai durante l'anno, che può sfasciare amicizie, relazioni amorose, contratti di lavoro e quanto di più importante ci può essere. Quello che si salva, viene messo nuovamente in predicato al girone di ritorno. Non è una partita qualunque, è la Partita: Inter - Juventus. Sabato, 14 settembre, ore 18. I segnali per poterla vedere in Santa Ansia non erano buoni. Prima sembrava che dovesse essere il posticipo della domenica e Pink in teoria sarebbe dovuta essere sulla strada di ritorno da Gonnesa, poi sembrava che dovesse essere l'anticipo serale del sabato, che per Pink sarebbe stato ideale perché sabato si, aveva un'impegno ma alle 18:30. Avete letto qualche riga più in alto? Ore 18. Pink deve andare alla proiezione di un documentario (che consiglio a tutti di vedere assolutamente) sulla SARAS e sui legami proprio tra i Moratti, il petrolio e i soldi che girano anche nel calcio. Sto parlando di OIL - Secondo tempo. C'era anche il regista, occasione imperdibile. Pink viene a sapere dell'orario preciso della proiezione dal fanciullo interista, più volte citato in queste pagine, mentre si sta preparando mentalmente e fantozzianamente alla visione della partita: poltrona, vestaglia, frittatona di cipolle della quale va matta e familiare di Peroni gelata. Come Fantozzi allora escogita uno stratagemma per riuscire a non perdere il documentario (tanto più che è contro i Moratti!!!) e contemporaneamente seguire la partita: auricolari mimetizzati sotto i capelli e radiolina da borsetta. In questo modo riesce a seguire il primo tempo, lanciando improperi a voce moderata perché tanto comunque la proiezione non è iniziata. Il problema vero nasce quando la proiezione inizia. La radiolina, che è pura paccottiglia cinese, spara troppo dagli auricolari e fa decisamente casino per coloro che seguono il film. Pink deve spegnere perché non è corretto disturbare gli altri spettatori: la partita è importante, ma la maleducazione è intollerabile. Cosa fare? Tempestare il proprio fratello di sms è una buona soluzione. Così Pink segue la partita tramite gli sms del fratello, che non fanno casino e permettono prima che Pink si prenda un infarto per il vantaggio interista, poi che risorga al pareggio di Vidal. Com'è andata la partita dunque? Pink non ha ancora visto le immagini. Quello che sa è che la visione di OIL 2 le ha messo ancora di più in cattiva luce sia l'Inter che il Real Madrid. A dofferenza di Fantozzi, Pink si è goduta il film che non era per nulla una cagata pazzesca, ma qualcosa che dovrebbe essere visto in tutte le scuole. Partita non vista, ma in favore di un'azione civica di valore migliore. Red ha visto la trasmissione di RAI 2 dopo aver mandato a nanna i genitori di sua figlioccia perché non vogliono guardare il calcio e ha visto una partita piuttosto noiosa e consiglia ad entrambe le squadre di svegliarsi. Quindi non è che alla fine ci si è persi qualcosa di esaltante..
Ma, il Cagliari? Cosa ha combinato il Cagliari a Firenze? Innanzitutto facciamo un saluto e un applauso alla tifosa cagliaritana che sugli spalti del Franchi esulta con una gioia "esuberante" il gol del pareggio di Pinilla. Ella, come un monaco tibetano in meditazione sull'Everest, ha pronunciato correttamente il "poba" e Red&Pink sono felici che qualcuno percorra la loro stessa filosofia di vita. Red la partita non l'ha né vista né sentita perché era ospite in una casa di ferventi anticalcistici, ma mentre pranzava, in silenzio senza dir niente a nessuno, controllava il cellulare facendo credere a tutti di avere molti amanti e convinceva sua nipote che il calcio è divertente, promettendole per il suo decimo compleanno un viaggio a Cagliari per andare a vedere la sua prima partita allo stadio (sperando che da qui al suo decimo compleanno -la bambina ha oggi 7 anni- avremmo di nuovo uno stadio a Cagliari). Red ha appreso dello svantaggio e del pareggio un secondo dopo l'altro perché il cell non caricava e, pur non avendo visto le immagini, non può che dire “Bravi ragazzi, continuate così”.
Inizia anche la Champions e la Juventus è l'unica che va a pareggiare in Europa tra le italiane. Pink, ancora una volta fantozzianamente, non vede la partita perché la RAI non la trasmette e lo streaming proprio non va. Ma si può trattare un tifoso così? Non va bene! E, cara Juventus, si possono pareggiare due partite importantissime in 4 giorni? Mi sembra di no, quindi diamoci una mossa!!!
Red continua ad inorridire per le magliette gialle e Pink le va dietro aggiungendo che comunque la peggiore è quella camouflage del Napoli. Red sottolinea il suo orgoglio per la bellezza delle maglie di quest'anno del Cagliari che sono le più belle! A detta di Red, ovviamente... Pink ne preferisce un'altra.  

E anche per questa settimana è tutto!
Alla prossima dalle vostre Giggi's Angels!

2 commenti:

  1. Un pezzo molto carino. Aspetto Juve Cagliari cara pink... Ultime due stagioni, in trasferta da voi sempre 1-1. Tremate arriva il Cagliari e la sua elegante tifosa al seguito...

    RispondiElimina
  2. Anche la Rassegna aspetta il derby stronzo... e in questo campionato 2013-14 pure l'ultimissima partita!!! (Violet, cuore RossoBlu)

    RispondiElimina