lunedì 2 giugno 2014

Pensieri sul 2 giugno - by Violet


Perdonatemi in anticipo se vi sembrerò scontata ed in preda ad un attacco di facile e populistica retorica, ma vi assicuro che non è così. È una necessità. Una semplice necessità dire il mio dissenso con una Repubblica che in 68 anni di vita non sa trovare modalità di festeggiare se stessa, di commemorare un anniversario importante come quello della propria nascita, in un modo diverso da una parata delle Forze Armate.
Facciamola il 4 novembre, questa parata. Facciamo sfrecciare quel giorno le Frecce Tricolore nei cieli d’Italia. Se lo facessimo in quel giorno, verrei anche io dotata di tricolore da sventolare. Lo prometto.

Ma non oggi. Oggi si ricorda il Referendum che disse “Repubblica”; oggi si ricorda che uscivamo da una guerra devastante e da un regime disastroso e brutale; oggi si ricorda il via al processo che diede vita alla Costituzione e alle Istituzioni democratiche italiane; oggi si ricorda la prima volta del voto alle donne!


L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (Costituzione della Repubblica Italiana, Articolo 1). 


Sapete che m’immagino io per onorare questo giorno e questo incipit della nostra Legge fondante?
Primo. I negozi chiusi, perché il diritto al lavoro si celebra anche con il rispetto del giusto riposo del lavoratore.
Secondo. Che vengano celebrati tutti coloro che reggono la baracca di questa nostra a volte meravigliosa spesso sgangherata democrazia. Vogliamo fare una sfilata? Iniziamo da coloro che si sacrificano nella cura dei disabili, degli anziani, dei malati cronici. Poi mettiamoci gli infermieri, i medici, i vigili del fuoco, gli insegnanti e gli educatori. Aggiungiamo i contadini e i pastori, tutti coloro che fanno lavori pesanti, nascosti e indispensabili. Tutte le professioni legate alla cultura. I ricercatori, gli scienziati, gli inventori. Coloro che tengono aperte a fatica imprese piccole e grandi che danno lavoro e sfamano famiglie. E sì, anche chi garantisce la nostra sicurezza.
Terzo. Studiamo. Tutti. Convegni sulla costituzione. Mostre sulla nostra storia recente, quella del 1900, per non dimenticare. Ché ripetere certe cose non è mai abbastanza.
Quarto. Facciamo festa. Tutti insieme. Nelle piazze dei paesi e delle città. Feste per i bambini, che lo devono ricordare come un giorno speciale dell’anno, non come l’ultima vacanza della scuola ormai agli sgoccioli. E poi festa per tutti. Facciamo volare gli aquiloni, i palloncini. Mangiamo zucchero filato. E mettiamo a disposizione di tutti i nostri prodotti locali, le eccellenze, le prelibatezze che fanno Italia in mille varietà meravigliose che non hanno senso, però, se non sono le une vicine alle altre. Se sono divise. E cantiamo e balliamo, in quelle piazze, fino a tardi, anche se domani si lavora, chi se ne frega.
Quinto. Aggiorniamo, ogni anno, di anno in anno, l’elenco delle persone e delle cose che ci fanno essere orgogliosi di far parte di questa Repubblica Italiana. Sarà una scoperta, sarà il sacrificio di una carriera o della vita per il bene comune. Sarà un’opera d’arte, una poesia, un film. Sarà guardarsi allo specchio, come Nazione, senza distorsioni o edulcorazioni, e fare una seria analisi di noi stessi. Chissà che ci scopriremo meno peggio di ciò che pensavamo (come secondo me è successo in questo appena esercitato voto per le elezioni europee), o almeno che troveremo assieme una direzione comune sulla quale muovere passi nuovi e rispettosi del diritto di tutti per un futuro migliore.
Buona festa!!!


Nessun commento:

Posta un commento